Chi sono

Mi chiamo Ambra Rondinelli e di lavoro aiuto le persone a scrivere o a migliorare i testi che hanno scritto.

Se hai bisogno di un parere oggettivo e professionale sul tuo testo; se vuoi qualcuno che legga il tuo manoscritto e lo analizzi da tutti i punti di vista (contenuto, sviluppo, stile, voce, forma) per accompagnarti mentre lo perfezioni; se hai bisogno di parlare di un’idea non ancora compiuta o non ancora scritta, io sono qui per questo.

Credo che nella scrittura non esistano trucchi né paletti inamovibili: ogni scrittore ha una voce da imparare a gestire, ogni libro la strada da trovare.

Non mi piace alimentare illusioni, ma una promessa posso già farla: il tuo testo può migliorare, e molto.

Se vuoi contattarmi, puoi scrivermi un’e-mail all’indirizzo ambrarondinellieditor@gmail.com, ti risponderò volentieri.

Vai alle pagine dedicate ai SERVIZI per aiutarmi a capire di cosa hai bisogno.

Vuoi sapere come lavoro e quali consigli do? Puoi trovarmi sia sul BLOG che su YOUTUBE e, tutti i mesi, sulla mia NEWSLETTER.

Vuoi conoscermi meglio come persona? Puoi seguirmi su INSTAGRAM e FACEBOOK.

Vuoi leggere richieste, domande e soprattutto recensioni ai miei servizi che vengono lasciate su un sito terzo, indipendente e che non è in alcun modo gestito o manipolabile da me? Puoi sfogliare il topic che mi riguarda nella community di scrittori più frequentata d’Italia, il Writer’s Dream Forum, clicca qui per arrivarci.

LA MIA STORIA

Al liceo ero una secchiona – sì, non cerco sinonimi più dolci né provo a far passare come genialità innata un’etichetta che ho acquisito con ore e ore di impegno. Quando avevo un’interrogazione mi alzavo alle cinque per ripassare, studiavo tutti i giorni fino a sera, spesso anche nel fine settimana. I bulli mi lasciavano stare, nonostante i miei occhiali spessi e la mia corporatura minuta, solo perché suggerivo durante le verifiche. Finito il liceo, avevo 18 anni e poche idee chiare, avrei voluto studiare Lettere o Psicologia, ma tutti (persino i professori) mi sconsigliavano quella strada. Le materie umanistiche non portano a un lavoro, dicevano, finirai per studiare dieci anni e fare la commessa in qualche catena. E io stupidamente li ascoltai.

Venivo, e vengo, da una famiglia umile: ero stata la prima e l’unica ad andare al liceo, ed ero la prima e l’unica a voler frequentare l’università. Non mi era ben chiaro con quali criteri avrei dovuto scegliere l’indirizzo di studio e a casa avevo poche possibilità di confronto, ma una certezza era ben stampata nel mio cervello: non potevo studiare per 5 anni (o di più) senza lavorare. Come detto, la mia famiglia era umile, entrambi i miei genitori avevano iniziato a lavorare quando la pubertà si affacciava sui loro volti, era impensabile che, superata la maggiore età, continuassi a studiare senza contribuire alle spese familiari. Decisi di iscrivermi a Giurisprudenza, mi pareva una buona via di mezzo: era un corso morbido sulla frequenza, mi permetteva di lavorare; e inoltre garantiva una grande diversificazione di possibili sbocchi lavorativi. Evviva Giurisprudenza. Abbasso Giurisprudenza. Ci misi poco a rendermi conto che le materie non mi appassionavano, le pagine erano aride e mi pareva che le frasi ruotassero su loro stesse per essere il più oscure e ambigue possibili. Cercai di tenere duro per un po’, sapendo già che prima o poi avrei lasciato.

Nel frattempo lavoravo: negli anni dai 18 ai 25 ho lavorato nei posti più diversi, con i contratti più assurdi, con i ruoli più differenti. Tra questi, saltuariamente lavoravo anche nel ristorante di mio padre come cameriera. Mio padre ha lavorato nello stesso ristorante per quarant’anni, è entrato a 14 anni come lavapiatti, poi è stato aiuto cuoco, è diventato uno dei cuochi principali (era un ristorante con cinque sale e in cucina ci lavoravano decine di persone), infine – quando la proprietaria è mancata – lui e gli altri numerosi dipendenti hanno deciso di rilevare la gestione del ristorante insieme, diventando soci. Per questo, ogni tanto, venivo chiamata per sostituire chi era in festa o quando c’erano gruppi numerosi e serviva qualcuno in più. Io andavo a lavorare sempre con un libro in borsa, lo lasciavo nella stanzetta dei camerieri e durante i tempi morti del servizio leggevo qualche pagina. Ho decine di ricordi precisi di io che leggo un libro tra un’orata alla ligure e un fritto misto, le pagine unte dalle mie dita, i colleghi che fanno la pausa sigaretta e io che scopro come va a finire la storia di Seymour Levov. 

Alla fine di uno di questi servizi, mio padre disse che mi doveva parlare. Ricordo che avevo appena finito di leggere Fahrenheit 451 e mi girava in testa quella frase: “Capite ora perché i libri sono odiati e temuti? Perché rivelano i pori sulla faccia della vita. La gente comoda vuole soltanto facce di luna piena, di cera, facce senza pori, senza peli, inespressive”. 

Fahrenheit 451 è un libro che ti ricorda perché amare i libri è importante, e in quel momento io ero come non mai presa da quell’amore, Bradbury aveva cementificato la mia fedeltà.

Mio padre sorrideva, era emozionato come difficilmente capitava di vederlo, mi disse: “Ambra, ho una cosa importante da dirti”.

“Riempi loro i crani di dati non combustibili, imbottiscili di “fatti” al punto che non si possano più muovere tanto son pieni, ma sicuri d’essere “veramente bene informati”. Dopo di che avranno la certezza di pensare, la sensazione del movimento, quando in realtà sono fermi come un macigno. E saranno felici, perché fatti di questo genere sono sempre gli stessi. Non dar loro niente di scivoloso e ambiguo come la filosofia o la sociologia affinché possano pescare con questi ami fatti ch’è meglio restino dove si trovano. Con ami simili, pescheranno la malinconia e la tristezza.”

Mio padre continuò: “P. ci ha riferito che si dimetterà a breve e io e gli altri ragazzi abbiamo deciso di offrirti il suo lavoro. Dovrai occuparti della parte burocratica, dei pagamenti ai fornitori, degli stipendi, di parlare con il commercialista, di gestire le sale e i camerieri. Avrai un contratto full-time, in regola e indeterminato. È un lavoro complicato, ma sono sicuro che ce la farai. E poi, chi lo sa, magari un domani potresti diventare socia anche tu”.

Ora, io in quel momento non avevo un lavoro in regola ed ero in quell’età di giovane adulta in cui nessuno più di me sapeva quanto fosse importante avere un’entrata regolare, un contratto che ti tuteli, la possibilità di un lavoro indeterminato che non finisca da un giorno all’altro. Significava avere la possibilità di costruirsi una vita, una casa, una famiglia; e lavorare con mio padre e persone che conoscevo da quando ero bambina equivaleva a poter avere ampia discrezionalità su permessi e ferie, lo sapevo. Però io non volevo quello. Io non volevo passare le mie giornate nel ristorante, non perché trovassi qualcosa di male in quel lavoro in sé, ma perché mai come in quell’istante, davanti a quella offerta, mi apparve chiaro che i libri erano tutta la mia vita e io volevo che il mio lavoro fosse qualcosa che c’entrava con i libri. Nessun altro lavoro sarebbe stato minimamente soddisfacente, se non riguardava le storie. E Fahrenheit 451, ancora dentro alla borsa che stringevo mentre parlavo con mio padre, era stato il libro giusto al momento giusto. Quello che mi ricordava cos’era davvero importante per me, cosa mi emozionava, cosa mi commuoveva e mi faceva sentire a casa. 

Sul momento risposi solo: “Ci penso”, mentre dentro di me la voce di Clarisse diceva: “No, no no no”, mi guadagnai un’occhiata perplessa da mio padre che pensava di avermi servito su un piatto d’argento quello che chiunque alla mia età avrebbe voluto.

Sapevo che sarebbe stato ferito da un mio no immediato ed ero consapevole che stavo rinunciando a uno stipendio sicuro, a un posto di lunga durata, in un momento in cui il mondo del lavoro offriva solo prospettive miserevoli. Non fu facile dire a mio padre che non volevo il lavoro, fu deluso dalla mia scelta (e me lo disse), ma quel giorno mi resi conto che quello che io volevo dalla vita era occuparmi di libri e non c’era nulla – non un contratto a tempo indeterminato, non un buono stipendio, e neanche la stima di mio padre – che mi avrebbe reso ugualmente felice.

Fahrenheit 451 e il rifiuto del lavoro comodo e sicuro furono lo spartiacque tra il vago desiderio di occuparmi di editoria rimanendo ancorata all’universo dei sogni futuri chissà quando realizzabili e il muovermi subito per ottenere quello che volevo. Cominciai a frequentare corsi sia dal vivo, a Milano e a Roma, sia online. Studiai (e ancora studio) scrittura, narratologia, correzione di bozze, norme redazionali, editing. Intanto arrivò la mia prima collaborazione lavorativa, con una piccola casa editrice, la seconda fu con un service editoriale, poi – più velocemente di quanto potessi immaginare – i clienti che mi chiesero di collaborare si moltiplicarono. 

Oggi leggo circa un centinaio di manoscritti all’anno tra valutazioni, correzioni di bozze e editing.

Nel frattempo, prima il lavoro al ristorante è stato dato a un’altra persona, tempo dopo il ristorante stesso ha chiuso e mio padre è andato in pensione. Ancora adesso non ha capito benissimo che lavoro faccio e non sa pronunciare la parola “editing”; se qualcuno gli chiede di cosa mi occupo, risponde: “fa qualcosa che c’entra con i libri”: ed è esattamente quello che avevo sempre desiderato qualcuno dicesse di me.